Londra: Facebook e Twitter bloccati in caso di nuovi disordini

0

Londra sta tentando lentamente di tornare alla normalità. Proteste, schermaglie, ma nulla a che vedere con gli scontri dei giorni scorsi. L’emergenza dalle strade ora si trasferisce nei tribunali, dove a breve si terranno i processi per direttissima di tutti i fermati nel corso dei disordini. Aule aperte anche di notte per garantire rigore ed immediatezza. Intanto nel mirino del sindaco Cameron è finito anche Facebook. Il sindaco accusa i social network di aver svolto un ruolo strategico nella diffusione delle informazioni tra i manifestanti. Ecco perché nel caso i disordini dovessero proseguire, l’accesso a Twitter e soci potrebbe essere inibito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO