Fiorella Ceccacci Rubino: “Non era un video hard ma un corto d’autore con Tinto Brass”

0

La storia delle mignotte è un modo per danneggiare il PDL, qualcuno dimentica che io sono un’attrice di teatro“. La deputata Pdl Fiorella Ceccacci Rubino non subisce passivamente le polemiche che le sono piovute addosso il piccolo scandalo innescato dalla pubblicazione di un suo video hard datato 1999 e respinge con veemenza al mittente le accuse che hanno coinvolto il suo partito.

Quello non è un video hard, ma un corto d’autore, spiga a La Repubblica, si tratta di un film di 15 anni fa. Certo a quei tempi non potevo prevedere che sarei finita in parlamento, ma io ho recitato con attori del calibro di Montesano, Proietti e Albertazzi ed ora vengo paragonata a pornostar come Cicciolina ed Eva Henger. Berlusconi ha deciso di puntare su di me per le mie competenze, attaccare noi donne è sempre la cosa più semplice“.

Già ribattezzata “la deputata più sexy del Parlamento italiano”, Fiorella Ceccacci Rubino commenta anche le dichiarazioni di Vittorio Feltri: “Non so perché abbia parlato di mignotte in lista, abbia il coraggio di fare i nomi. Io non sono ne stupida ne cretina: le belle donne creano sempre dei problemi”.

LASCIA UN COMMENTO