The Voice, Video Streaming Seconda Puntata 14/03/2013: “le audizioni al buio”

0

Secondo puntata, ieri sera alle 21:05, di The Voice, il talent show di RAI Due che ha debuttato la scorsa settimana dopo un notevole battage pubblicitario. I 3,3 milioni di telespettatori con uno share del 12,3%, sono un risultato tutto sommato discreto anche se il boom di ascolti che qualcuno aveva pronosticato, almeno nella prima puntata, non si è verificato. Il format comunque è vincente, in RAI sono convinti che nelle prossime puntate assisteremo ad un crescendo continuo.

Ascolti a parte, The Voice differisce dagli altri talent per un clima di assoluto buonismo all’interno del programma. I quattro giudici: Raffaella Carrà, Piero Pelù, Riccardo Cocciante e Noemi, non litigano tra di loro come accade altrove e i loro giudizi non sono mai stroncanti nei confronti dei concorrenti, che anzi, spesso vengono addirittura consolati dopo essere stati eliminati. C’è chi apprezza questo approccio inedito, altri non sono convinti che la formula possa funzionare, come sempre toccherà al popolo sovrano esprimere il verdetto finale.

Anche la puntata di ieri sera (alla conduzione troviamo sempre Fabio Troiano) è stata incentrata sulle “blind audition”, ovvero le audizioni al buio: i 4 giudici, girati di spalle rispetto al palco, hanno dovuto ancora una volta ascoltare i concorrenti, senza mai vederli in volto. La puntata si e conclusa con Piero Pelù capace di portarsi a casa altri 5 concorrenti, che sommati ai 5 della scorsa settimana fanno 10. Noemi e Raffaella Carrà, ai quattro che già avevano, né hanno aggiunti altri quattro, mentre Riccardo Cocciante, si accaparra 3 concorrenti e sale ad un totale di 6.

Registriamo, infine, una piccola polemica esplosa nei giorni scorsi a proposito degli ingaggi dei 4 giudici. Sotto la lente di ingrandimento i compensi di Raffalella Carrà e di Riccrdo Cocciante, rispettivamente 400mila e 200mila Euro. Ogni puntata di The Voice costa 1 milione di euro, cifra ritenuta eccessiva in tempi di spending review. In RAI si difendono spiegando che X Factor costava anche di più. CLICCA QUI PER RIVEDERE LA SECONDA PUNTATA DI THE VOICE.

loading...

LASCIA UN COMMENTO