(video) Argentina, polizia spara proiettili di gomma sui tifosi in Atletico Tucuman-Rosario Central

0

La violenza nel calcio in Argentina non accenna a placarsi, anzi, le dimensioni del fenomeno si fanno davvero allarmanti. L’ultimo episodio in ordine cronologico è accaduto nel corso della partita tra l’Atlético Tucuman e il Rosario Central, quando, al termine del primo tempo, polizia e tifosi si sono scontrati. Gli agenti intendevano frenare l’impeto di alcuni scalmanati, Per raggiungere lo scopo sono stati esplosi proiettili di gomma, trasformando i disordini in una vera e propria guerriglia sugli spalti. E’ intervenuto anche l’allenatore del Rosario, Miguel Angel Russo, che, con una bella dose di coraggio, ha cercato di fungere da mediatore. Come detto, la violenza legata al calcio, in Argentina, è un fenomeno inquietante, determinato ad una serie precise di fattori scatenanti. A poco sono serviti i biglietti “nominali” e il divieto ai tifosi di seguire le squadre in trasferta. Sconcertante che, solamente nel 2012, si siano contati 8 morti legati alla violenza nel calcio. le “barras bravas” sono delle bande criminali ben organizzate che tengono in scacco polizia, istituzioni e società sportive, con un giro di danaro pauroso. Proprio questo giro di danaro elevatissimo ha fatto da miccia per il proliferare di un numero sempre crescente di criminali. L’Argentina della Presidente Kirchner vive una situazione economica che definire disastrosa è probabilmente riduttivo, ed è chiaro che non manca il terreno fertile per il proliferare ogni tipo di violenza, anche quella legata al mondo del calcio.

loading...

LASCIA UN COMMENTO