Marco Travaglio a Servizio Pubblico del 16/05/2013: “La pacificazione” (video YouTube)

0

Due anni fa, in una striscia satirica sul Misfatto, Stefano Disegni raccontava la storia di un tizio che scippa la borsetta a una vecchina, la donna grida al ladro e il borseggiatore, per tutta risposta, denuncia il giustizialismo della signora. Intanto perché il ladro è un presunto innocente, visto che non c’è ancora la sentenza della Corte di Cassazione, e anche gli accenni di giacobinismo, che lasciano trapelare desideri di giustizia sommaria. A questo punto interviene un signore che invita i due contendenti ad abbassare i toni e a fare un passo indietro nel nome del bene comune dicendo: non è con l’anticippismo viscerale che vinceremo le elezioni, anzi è proprio l’antiscippismo che rafforza gli scippatori. Poi propone un dialogo costruttivo tra scippatore e scippata, istituendo un’apposita commissione di saggi dove invitare il borseggiatore e la derubata ad un confronto tematico. Intanto il ladro si dilegua…

Comincia pressapoco così l’editoriale di Marco Travaglio a Servizio Pubblico di ieri, giovedì 16 maggio 2013. Il vicedirettore del Fatto Quotidiano ha intitolato il suo intervento: “La pacificazione”. Il giornalista ridisegna il quadro politico attuale. Una volta c’erano i fascisti e gli antifascisti, la destra e la sinistra. Ora ci sono solamente due categorie: i divisivi e i condivisi. L’editoriale di Travaglio nel video qui sotto.

LASCIA UN COMMENTO