Mistero, la storia della Sibilla di Cuma nella puntata del 13/02/2014

0

La leggenda narra che il Dio Apollo concesse alla Sibilla Cumana di chiedergli qualsiasi cosa ella desiderasse. La giovane chiese di poter vivere tanti anni quanti erano i granelli di sabbia rinchiusi nel suo pugno. Il Dio le avrebbe concesso anche l’eterna giovinezza in cambio del suo amore, ma la Sibilla rifiuto la sua proposta e quando cadde l’ultimo granello di sabbia, logorata dall’interminabile vecchiaia, il suo corpo si dissolse, vagando per sempre nell’infinito. La Sibilla era la sacerdotessa del Dio Apollo, prediceva il futuro a coloro che la interpellavano. A Mistero ieri sera ci hanno svelato la sua storia e insieme a Clemente Russo siamo andati a visitare i luoghi in cui viveva, perchè  ogni leggenda nasconde sempre un fondo di verità. L’antro della Sibilla è la grotta dove la sacerdotessa cadeva in trance e profetizzava il futuro si trova a Cuma, vicino a Napoli. Si tratta di una terra di origini vulcaniche, qui il sottosuolo è un continuo ribollire. Forse la Sibilla prendeva la sua forza dalla terra e dal fuoco e forse in questo luogo si trova una concentrazione di energie, di forze misteriose, che se sfruttate correttamente sono in grado di spalancare le porte a realtà parallele. Clemente Russo ha raccolto la testimonianza del dottor Caputo, il responsabile del sito archeologico di Cuma. Subito dopo il alto pubblicitario potete scoprire i misteri della Sibilla di Cuma, il servizio è andato in onda nella puntata di Mistero di ieri, giovedì 13 febbraio 2014.

Mistero Sibilla

loading...

LASCIA UN COMMENTO