Il Segreto – Puntata 17/03/2014 – Streaming Video

0

Oggi, lunedì 17 marzo 2014, su Canale 5 ricomincia una settimana in compagnia de Il Segreto, la soap opera spagnola che racconta la vicissitudini sentimentali della bella levatrice Pepa Aguirre. Sono davvero tanti i colpi di scena che ci attendono a partire da questo pomeriggio, prima riepiloghiamo velocemente quanto accaduto sin qui. Efren, almeno per ora, continua a vivere al Rahal, insieme a Pepa e Donna Agueda, mentre Tristan tenta di convincere sua madre ad accettare il suo fratellastro. Juan, nel frattempo, ha tentando di convincere ancora una volta Don Anselmo a concedergli l’autorizzazione per aprire il casinò, ma il sacerdote si è rifiutato categoricamente. Vi ricordo che, poche ore dopo la messa in onda, vi segnaleremo anche il link per rivedere l’episodio in streaming. GUARDA LA PUNTATA.

Donna Francisca decide di rivelare a Suor Calvario i dettagli più intimi della relazione tra suo figlio Tristan e Pepa. La suora si convince che Pepa ha sedotto Tristan e che Angustias ha cominciato a meditare al suicidio proprio a causa di questo grande dolore. Mariana, nel frattempo, ha scoperto che qualcuno le ha rubato il denaro che custodiva nel contenitore e che sarebbe dovuto servire per acquistare una mantiglia nuova. Inizialmente sospetta di Paquito, ma poi scopre la verità. Dolores viene presa in giro dagli abitanti del paese per il vestito che ha confezionato. La donna sfoga la sua frustrazione su Hipòlito e lo accusa di non essere un modello adatto e chiede a suo figlio di ingrassare un po’. Ma quando il giovane si rifiuta, la madre scoppia in lacrime e gli confessa di essere molto in ansia per la partenza di suo padre. A quel punto Hipòlito mostra alla madre un telegramma del padre, dal quale si intuisse che ha deciso di partire per l’America. Pepa si reca insieme ad Efren a Villa Montenegro, dove qualcuno fa cadere donna Francisca dalle scale, ma la matrona accusa subito Pepa. Presto però Calvario confesserà con Don Anselmo.

loading...

LASCIA UN COMMENTO