Ballarò, Maurizio Crozza: video copertina di ieri, martedì del 18 marzo 2014

0

Giova, tu mi devi spiegare una cosa, ma come mai tutte le volte che viene eletto un premier in Italia, la prima cosa che fa è andare a chiedere il permesso alla Merkel? Ma cosa c’ha la Merkel lo Ius ‘Premier’ Noctis?“. Si apre così, la copertina di Maurizio Crozza andata in onda ieri sera, martedì 18 marzo 2014, a Ballarò: “ma allora da Napolitano che cosa diamine ci vanno a fare, a prenotare il volo, a fare il check-in?“. Prosegue il comico genovese: “comunque la Merkel ha dichiarato che è rimasta molto colpita da Renzi, ma ci credo, in campagna elettorale Renzi continuava a dire: il parametro del 3% è un concetto anacronistico. Ma una volta arrivato davanti alla Merkel le ha detto: il 3% è pochissimo, portiamolo al 50. Ma non puoi cambiare idea così velocemente, nemmeno un bipolare potrebbe. Non è importante il bipolarismo perfetto, l’importante è diventare perfettamente bipolare per diventare popolare nell’arte del paraculare“. Poi Maurizio Crozza saluta il ministro Poletti, ospite di Giovanni Floris in studio: “A me il ministro Poletti mi è simpaticissimo, è un incrocio tra Babbo Natale e Maurizio Ferrini quando faceva “Quelli della notte“. Quindi il comico genovese volta finalmente pagina e commenta la decisione di Berlusconi di candidarsi alle prossime Europee: “E’ giusto, le Europee sono un po’ come il doppio lavoro, se non hai altro da fare, vai alle Europee. Ma sulla candidabilità di Berlusconi, la discussione è ancora molto aperta: per la legge italiana, quella europea, per tutti i partiti, per i leader europei per la stampa internazionale e per L’ONU, diciamo che c’è un no di massima, per la Santanché è un si. Quindi si profila un quadro di questo tipo: Santanché contro il resto del mondo“.

loading...

LASCIA UN COMMENTO