Marco Travaglio a Servizio Pubblico, l’editoriale su Renzi del 3 aprile 2014 (video)

0

Nuovo appuntamento ieri sera, giovedì 3 aprile 2014, con Servizio Pubblico, il programma di approfondimento politico ideato e condotto da Michele Santoro. Titolo della puntata: “Matteo Garibaldi”. Il riferimento, ovviamente è al neo presidente del consiglio, che nelle scorse ore si è recato a Londra per convincere gli inglesi a credere ed investire nel nostro paese. Nel frattempo Renzi procede a passo spedito con le sue riforme. Ma perché tanta fretta, e soprattutto: è giustificata? Intendiamoci, di urgenza il nostro Paese ne ha parecchia, ma di riforme veramente utili, che comincino da subito a contrastare la disoccupazione e a favorire il rilancio dell’economia, giusto per citare due esempi a caso. Nel suo consueto editoriale, Marco Travaglio ha tentato di fare chiarezza ed ha paragonato Matteo Renzi a Forrest Gump, uno che correva senza sapere cosa o dove andare. “Con Renzi non ti puoi distrarre un attimo che ti cambia subito tutto, anche il nuovo slogan: “Lasciatemi lavorare” Vi ricorda qualcuno? Gli italiani vogliono cambiare, il paese è con me, o così, oppure me ne vado e chi si oppone è un conservatore. A parte il fatto che in vent’anni la costituzione l’hanno cambiata 5 volte, cambiare è giustissimo, perché c’è un sacco di roba che non va bene, prima però, bisogna vedere se il cambiamento va in meglio o va in peggio. Zagrebelsky, Rodotà hanno sollevato qualche dubbio in proposito, ma per Matteo Renzi sono solo professoroni, o presunti tali. Vi ricorda qualcuno? Scelba parlava di culturame, Craxi diceva: “intellettuali dei miei stivali”, invece dai professori c’è sempre qualche cosa da imparare, se non altro a sbagliare un po’ meno. E allora apriamo questo pacco delle grandi riforme e vediamo se quello che c’è dentro, è meglio, oppure è peggio rispetto a quello di prima….

loading...

LASCIA UN COMMENTO