Striscia la Notizia: i tassisti di Reggio Calabria non usano il tassametro (video)

0

Alzi la mano chi non conosce un tassametro? Ebbene, non bisogna essere certamente degli esperti del settore per sapere di cosa si tratta, eppure, nel corso di un servizio realizzato da Luca Abete a Striscia la Notizia, era venuto fuori che i primi a non sapere cosa fosse erano proprio i tassisti di Reggio Calabria: incredibile ma vero. I furbetti al volante erano soliti sparare cifre esose, specie ai turisti, ancora meglio se stranieri. Ignoravano, inoltre, la presenza di tariffe fisse imposte da un ordinanza comunale del 2012. Alcuni attori di Striscia sono saliti a bordo di alcuni taxi per scoprire se la situazione è migliorata. Dalla stazione ferroviaria i complici di Luca Abete si dirigono verso il porto. Del tassametro neanche l’ombra, o almeno così sembrerebbe, perché effettivamente l’apparecchio c’è, ma è nascosto da una mascherina nera. Sul secondo taxi la storia non cambia e le telecamere nascoste di Striscia svelano un altro copri tassametro, questa volta però in cartone. La tratta è di quelle incluse alle tariffe a prezzo fisso, ma invece di 12 euro, la richiesta è assai più cara: 20 euro con lo sconto. L’attore di Striscia chiede per quale ragione la tariffa fissa non venga rispettata, il tassista di arrampica sugli specchi ed accampa una scusa davvero poco credibile: “la tariffa fissa è riservata ai residenti“. L’ultimo tentativo è una corsa brevissima, dall’aeroporto ad un albergo che dista solamente un chilometro. Dopo tre minuti si è già a destinazione, il costo è di 20 euro. Luca Abete decide quindi di provare lui stesso e per l’inviato di Striscia il tassista ha in serbo un trattamento decisamente speciale, addirittura col tassametro, dimenticando però che si tratta di una corsa a prezzo fisso da 12 euro. Alla fine la corsa supera di poco le 13 euro, ma lo stesso tassista agli attori di Striscia ne aveva chieste 20. Qui sotto il servizio integrale.

Tassisti Reggio Calabria

loading...

LASCIA UN COMMENTO