Maurizio Crozza a Ballaro, la copertina del 13/05/2014

0

Nuovo appuntamento ieri sera, martedì 13 maggio 2014, con Ballarò, il talk show politico di RAI Tre condotto da Giovanni Floris. Ad aprire la serata, come da tradizione consolidata, in collegamento con lo studio si è materializzato Maurizio Crozza. Con la consueta ironia, il comico genovese ha commentato i fatti in primo piano della settimana. Si parte con lo scandalo corruzione che ha investito l’Expo 2015: “Giova, scusa, dimmi che differenza c’è tra la Prima e la Seconda Repubblica: sono cambiati i giudici? No, perché gli indagati sono sempre gli stessi. Di nuovo una Tangentopoli con Frigerio e Greganti, ma cos’è il sequel?” Crozza analizza la storia di Primo Greganti: “Veniva dalla galera ed è tornato in galera. Giova, lasciamelo dire, ieri il PD ha fatto un gesto forte, ha sospeso Greganti. Ma perchè, lo avevano ripreso? Tra l’altro non lo hanno espulso ma lo hanno solamente sospeso. Ma è chiaro, metti che nel 2024 facciamo le Olimpiadi a Roma e non te lo giochi di nuovo il vecchio Grega?” Poi il comico genovese si concede un’amara constatazione: “Nel PD l’unico che hanno mandato via è Prodi“. Prosegue Crozza: “Dicevano, l’Expo dimostrerà al mondo cos’è l’Italia…Io farei un padiglione di Italia a forma di busta, un enorme busta… – l’Italia, caro Giova, è un paese in constante evoluzione, dalle mazzate con gli ultrà della settimana scorsa siamo passati alle mazzette dell’Expo“. Crozza commenta poi l’arrivo di Beppe Grillo a Milano: “ha portato la solita ventata di costruttività. Ha detto che bisogna bloccare l’Expò. Ma come Beppe, più bloccati di così come si fa?“. Subito dopo il salto pubblicitario il video della copertina integrale.

loading...

LASCIA UN COMMENTO