Mondiali 2014 | Brasile-Croazia 3-1 e lo ‘scandaloso’ rigore trasformato da Neymar

0

Ieri sera sono partiti i Mondiali 2014. La prima partita ha visto i padroni di casa del Brasile affrontare e sconfiggere la Croazia per 3 a 1. I verdeoro sono riusciti a recuperare l’iniziale svantaggio, causato da una sfortunata quanto goffa deviazione di Marcelo, trovando il pareggio nel primo tempo grazie ad una bella iniziativa dell’uomo più atteso della manifestazione, il gioiellino del Barcellona Neymar. Il numero 10 ha fatto tutto da solo in occasione del pareggio, lo stesso non si può dire del raddoppio, confezionato sempre da Neymar, ma con la determinante collaborazione dell’arbitro Nishimura. Il fischietto nipponico si è lasciato trarre (troppo facilmente) in inganno dalla simulazione di Fred ed ha assegnato un calcio di rigore che grida vendetta. Il tecnico del croati Niko Kovac è stato durissimo: “è una vergogna, se questo è il Mondiale, tanto vale andare a casa. Sono comunque orgoglioso della prestazione della mia squadra e fiero di allenare dei ragazzi come loro“. La Croazia si è battuta con orgoglio, ha perso con l’onore delle armi e può recriminare anche per un’altra chiamata sospetta, una presunta carica di Olic su Julio Cesar. Sulla decisione del direttore di gara, anche in questo caso, ci sarebbe molto da discutere. Inutile dire che il Brasile non dovrebbe avere bisogno di simili aiutini. La prestazione dei verdeoro è stata nel complesso positiva, anche se il reparto difensivo è apparso troppo spesso in difficoltà. I croati, specie nei primi minuti di gioco, hanno spesso trovato la superiorità numerica sulle fasce e non è un caso se il gol del vantaggio sia arrivato proprio da un cross dal fondo deviato poi sfortunatamente da Marcelo. Qui sotto il rigore tanto discusso trasformato da Neymar.

loading...

LASCIA UN COMMENTO