Le Iene: finto terrorista islamico a La Zanzara rischia 12 anni di carcere

0

Le Iene finto terrorista La Zanza

Qualche tempo fa nel corso della diretta del programma La Zanzara di Cruciani, è arrivata la telefonata di un certo Derri di Salerno. L’uomo, con uno spiccato accento portoghese, ha finto di essere un terrorista musulmano. La sua idea era quella di spaventare il conduttore e l’Italia intera, minacciando chiunque, Cruciani compreso, di morte. Questo genio ora dice che era tutto uno scherzo, ma rischia un minimo di 12 anni di carcere. Enrico Lucci delle Iene lo ha incontrato per raccogliere la sua testimonianza e cercare di capire le ragioni di un gesto tanto stupido, che potrebbe costare all’incauto protagonista di questa storia molto, molto, caro.

Sbraitando come un ossesso, in diretta con il programma La Zanzara, Derri di Salerno aveva dichiarato che: i musulmani imparano la violenza da piccoli; che l’Islam moderato non esiste; che Israele sarà distrutta; che loro ci spareranno in testa di persona, venendoci a prendere negli uffici e, dulcis in fundo, che la vendetta dell’Islam si abbatterà anche su Cruciani, che verrà sicuramente ammazzato pure lui.

Tutto è andato in onda in diretta e senza tagli nel programma di Radio24. Le indagini sono subito iniziate e c’è voluto poco per risalire all’identità dell’uomo. Si tratta di un brasiliano che vive nel nostro paese: fa l’imbianchino e il cuoco a tempo perso in un locale dove prepara la carne allo spiedo. Enrico Lucci è andato a trovarlo sul posto di lavoro e all’inviato delle Iene, Derri ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto ad un gesto tanto stupido: “Io sono cristiano, ho fatto finta di essere un mussulmano radicale. Cercavo di spaventarli, era uno scherzo. Io non ho fatto nulla di male, ho recitato il Corano, dove stanno scritte quelle cose che ho detto“.

Dopo aver ricevuto la visita della Digos a casa, dopo che tutti i giornali hanno parlato del suo folle scherzo, Derri si è finalmente reso conto di quello che ha fatto. Col suo gesto non ha spaventato solamente mezza Italia, ma ha gettato fango e discredito su una religione intera, quella mussulmana. Insomma, in un colpo solo è riuscito ad inimicarsi cristiani e musulmani. Dopo essere stato catechizzato per bene da Enrico Lucci, il quale gli ha ricordato il valore della cultura musulmana ed araba, Derri ha chiesto pubblicamente scusa definendosi: “un grande coglione“. Ecco, la prima frase sensata che gli abbiamo sentito uscire dalla bocca.

LASCIA UN COMMENTO