Maurizio Crozza a DiMartedì: la copertina del 21 aprile 2015

0

DiMartedì Crozza 21 aprile 2015Anche ieri sera, 21 aprile 2015, si è rinnovato l’appuntamento con DiMartedì, il talk show politico ideato e condotto da Giovanni Floris. Ad aprire la puntata, come da tradizione consolidata, la copertina satirica di Maurizio Crozza. Qui sotto alcuni estratti dell’intervento del comico genovese. Al termine dell’articolo il video integrale.

Si parte con l’iniziativa dei ministri degli esteri dell’Unione Europea, che hanno deciso di fare un minuto di silenzio per le vittime del naufragio del canale di Sicilia: “Dovrebbero fare un anno di casino in Europa, non un minuto di silenzio, cazzarola. In Europa abbiamo direttive su tutto, anche sulla messa a terra delle prese elettriche, invece sulla messa a terra degli esseri umani, l’Europa non sa che minchia fare” – prosegue il comico genovese: “stai sicuro che se una banca sta per fallire in Europa, la Merkel si precipita per strada, ancora con i bigodini in testa, prende l’aereo, va da Hollande che sta trombando con la fidanzata, gli infila un paio di braghe e risolvono tutto in mezzora…Sai Giova, cosa si dovrebbe fare, forse, estendere agli esseri umani gli stessi diritti che hanno le banconote. Stai per certo che 950 milioni di euro sul fondo del mare non ci finirebbero mai! Su queste cose l’Europa non scherza.

Maurizio Crozza prosegue la sua copertina ponendosi un interrogativo: “Perché l’Europa ci lascia da soli? In Libia pare che ci sia 1 milione di persone pronta ad imbarcarsi per l’Italia. E dubito, tra l’altro, che siano tutti lì per l’EXPO. Come possiamo occuparci di 1 milione di persone che vengono da fuori, se abbiamo un Premier che non riesce ad occuparsi di 10 persone che vengono da dentro?

LASCIA UN COMMENTO