Maurizio Crozza a diMartedì 20 ottobre 2015 | VIDEO

0

Maurizio Crozza diMartedì 20 ottobre 2015Maurizio Crozza a diMartedì: “L’Italia è una Repubblica fondata sulla botta di culo”

Ieri sera, martedì 20 ottobre 2015, su La7, è andata in onda una nuova puntata di diMartedì, il talk show politico ideato e condotto da Giovanni Floris. A precedere il dibattito in studio, puntuale come sempre, la copertina satirica del comico genovese. Qui sotto trovate una breve sintesi con le battute più divertenti. Al termine dell’articolo il video integrale dell’intervento di Maurizio Crozza.

Maurizio Crozza diMartedì 20 ottobre 2015 e Matteo Salvini

Si parte con un pensiero rivolto al Segretario del Carroccio, presente in studio: “Salvini ha dichiarato che non pagherà il canone TV in bolletta: ma come, proprio lui che in TV ci vive? Tu pensa che Salvini sta talmente tanto negli studi televisivi, che la bolletta gliela passa direttamente il cameraman. Salvini che si ribella al canone è come vedere un rospo che si ribella ad uno stagno: ma come, se c’ha sguazzato dentro sino ad oggi!

Maurizio Crozza diMartedì 20 ottobre 2015 e Matteo Renzi

Il parallelo tra Salvini e Matteo Renzi, permette al comico genovese di commentare l’ultima iniziativa del Premier: “Renzi ha spiazzato tutti innalzando la quota del contante da 1000 a 3000 euro. Cioè, combattere l’evasione innalzando il tetto del contante, è come cercare di contrastare le evasioni dal carcere, allargando le sbarre. Poi dicono che serve per incrementare i consumi: 3000 euro in contanti? E a cosa ti servono 3000 euro in contanti? E a quanto arrivate le zucchine?

Maurizio Crozza diMartedì 20 ottobre 2015 e l’imitazione di Bersani

Poi Maurizio Crozza indossa i panni di Bersani: “Questa manovra aiuta solo i disonesti, ragazzi. Il PD ha innalzato la quota del contante ed ha tolto l’Imu dalla prima casa. Praticamente stiamo realizzando il programma di Berlusconi, ecco perché ci facevamo opposizione: eravamo invidiosi del suo programma, volevamo farlo noi.

LASCIA UN COMMENTO