Maurizio Crozza, la copertina a diMartedì dell’8 dicembre 2015 (video)

0

Crozza DiMartedì 8 dicembre 2015Ieri sera, martedì 8 dicembre 2015, su La7 è andata in onda una nuova puntata di diMartedì, il talk show politico di Giovanni Floris. Ad aprire la puntata, come di consuetudine, la copertina satirica di Maurizio Crozza. A seguire alcuni dei passaggi più divertenti del monologo del comico genovese. Al termine dell’articolo il video integrale.

Cos’è che dicevano tutti? Che il terrorismo non deve cambiare il nostro modo di vivere. E menomale che non ce lo cambia, perché ieri hanno blindato Milano ed oggi hanno blindato Roma. Quest’anno per Natale: “blindiamo”. E’ due giorni che le città sono piene di cecchini. Ieri, alla prima della scala, c’erano così tanti cecchini che i tenori erano tutti in paranoia. Se steccavano un acuto gli compariva un pallino rosso sulla fronte. C’era talmente tanta tensione in sala, che per non crearne altra non hanno fatto neppure morire Giovanna D’Arco sul rogo, l’hanno fatta morire serenamente di vecchiaia insieme ai suoi nipoti.

Poi Maurizio Crozza si trasforma nel presidente Mattarella: “Io non sono andato perchè da giorni l’Intelligence mi aveva avvertito della presenza in sala di persone molto pericolose che vogliono solo distruggere il nostro modo di vivere. E l’Intelligence aveva ragione perché poi, alla fine Renzi c’è andato.

Il comico genovese si trasferisce poi a Roma: “Il problema è che a Roma per il Giubileo è andata ancora peggio. C’erano più di 2500 agenti tra militari e forze dell’ordine: non si vedevano tanti soldati a Roma dai tempi di Cesare.

loading...

LASCIA UN COMMENTO