Bomba sotto l’auto di Stefania Petyx: l’inviata di Striscia vittima di un attentato a Palermo

0

Stefania Petyx bomba autoStefania Petyx, l’inviata siciliana di Striscia la Notizia, è stata vittima di un atto intimidatorio inquietante. Sotto la sua auto è stato, infatti, esplodere un ordigno esplosivo. Solo danni a cose.

Puntata decisamente difficile per gli inviati di Striscia la Notizia, quella andata in onda ieri sera, lunedì 18 gennaio 2016, su Canale 5. Poco fa sul blog vi abbiamo mostrato il video dell’aggressione subita da Edoardo Stoppa in provincia di Napoli. L’Amico degli animali se l’è vista davvero brutta con due allevatori abusivi della zona.

Ancora peggio è andata alla bravissima Stefania Petyx. L’inviata di Striscia la Notizia, nella tarda serata di ieri è stata vittima di un vile attentato intimidatorio. Sotto alla sua auto, parcheggiata fuori dalla sua abitazione è stato fatto esplodere un ordigno esplosivo che ha causato seri danni alla vettura.

La bomba, perché di questo stiamo parlando, avrebbe potuto causare ben più gravi conseguenze se all’interno dell’abitacolo ci fosse stata Stefania Petyx ed il suo inseparabile bassotto. Greggio e Iachetti, via Skype, si sono collegati con l’inviata siciliana. Stefania Petyx non è apparsa particolarmente spaventata ed anche lo fosse stata, non l’ha dato a vedere. L’inviata ha spiegato che sia lei che i suoi colleghi di Striscia sanno che atti del genere devono essere messi in conto. La Petyx ci ha tenuto a ringraziare per i numerosi attestati di stima che sono arrivati durante la giornata di ieri, anche da parte delle Istituzioni.

Ancora da acclarare i possibili responsabili come le ragioni di un simile gesto. Certo trovare i colpevoli non sarà facile, lo ha spiegato la stessa Stefania Petyx ieri, svelando che nel quartiere dove abita, Ballarò di Palermo, tanto bello quanto difficile, la presenza di telecamere di sorveglianza è pressoché nulla e quindi non sarà semplice ricostruire la dinamica dell’accaduto. Attendiamo aggiornamenti su questa incresciosa vicenda.

LASCIA UN COMMENTO