Le Iene Show: l’Ayahuasca arriva in Italia: droga o magia? (video)

1

Le Iene Show Ayahuasca ItaliaL’Ayahuasca è un potente allucinogeno che viene somministrato durante un rito sciamanico Non è considerata illegale e sta prendendo piede anche qui da noi. Il commento al servizio andato in onda ieri sera a Le Iene Show.

C’è una nuova sostanza stupefacente che sta prendendo piede tra i divi di Hollywood. Si chiama Ayahuasca e chi la assume lo fa per ragioni differenti a quelle che spingono il classico tossico a drogarsi. Non si tratta di semplice sballo, almeno non dovrebbe, ma di cercare di mettersi in contatto con il sé interiore. L’Ayahuasca viene somministrata nel corso di un vero e proprio rito sciamanico. In alcuni pesi del mondo, Italia compresa, non è ritenuta illegale, ma bisogna fare attenzione perché si tratta comunque di un potentissimo allucinogeno.

Le Iene Show: l’Ayahuasca arriva in Italia

E dopo aver varcato i confini hollywoodiani, l’Ayahuasca è arrivata anche da noi, dove sono sempre più le persone che partecipano a questi ritiri sciamanici durante i quali viene somministrata la sostanza psicotropa.

Le Iene Show: l’Ayahuasca mai somministrata ai bambini

La Iene Ruggeri ha partecipato ad uno di questi ritiri e le immagini andate in onda alle Iene sono davvero molto forti. Il servizio integrale lo trovate qui, io mi limito ad una considerazione.

Ognuno è libero di fare ciò che vuole all’interno dei confini della legge, a patto che agisca in maniera informata e che non spinga nelle sue discutibili scelte e minori. E già, perchè non ci crederete, ma nel corso del servizio abbiamo fatto la conoscenza di una mamma irresponsabile che ha somministrato l’Ayahuasca a sua figlia, una bambina di 5 anni.

Inutile sottolineare quanto possa essere rischioso per un cervello in via di sviluppo entrare in contatto con sostanze così potenti. Genitrice folle a parte, la colpa va attribuita anche agli organizzatori, che non dovrebbero assecondare in nessun modo iniziative tanto folli.

1 commento

  1. Mi chiedo come mai voi giornalisti, di fronte ad una situazione così grave e pericolosa (somministrare l’Ayahuasca ad una bimba) non abbiate ritenuto opportuno sospendere il servizio e intervenire in protezione della bimba visto che nessuno, in quel momento, stava facendo del bene per lei.
    Sono da ammonire i genitori, gli organizzatori ma anche, e forse soprattutto, gli spettatori che hanno visto ma non fatto nulla.
    Mi chiedo il perché di questa scelta…

LASCIA UN COMMENTO