Maria Elena Boschi: “I poteri forti sono contro di noi”

0

Ministro-Boschi1-990x660In Parlamento Maria Elena boschi spiega il suo punto di vista sull’intera vicenda che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi e costringerà il governo ad affrontare un voto di fiducia al Senato, ma soprattutto lei in quanto mini sono responsabile dei rapporti con il Parlamento contro firmatario dell’emendamento alla legge di stabilità a dover rispondere alle domande dei magistrati lucani come persona informata dei fatti.

“Occorre avere due stelle polari: la legge e la propria coscienza” si legge nella lunga intervista sul quotidiano torinese “io personalmente le ho rispettate entrambe” – “Ci attaccano perché i poteri forti sono contro di noi, non siamo il terminale di niente di nessuno e questo non piace a molti”

“Il titolo della stampa non lascia dubbi a chi legge banche petrolio le mie verità anticipa la sua autodifesa nega di aver conosciuto il compagno del ministro Guidi “Gianluca gemell” non lo conosco non sapevo che avessi un compagno con interesse nel settore petrolifero – ammette di aver parlato dell’emendamento con il ministro Guidi, ma sottolinea “con i colleghi parlo di tutti gli emendamenti”

La Boschi conosceva molto bene il provvedimento atteso dal 1989 che definisce sacrosanto e spiega “abbiamo semplicemente fatto la cosa giusta per l’Italia lo abbiamo voluto fortemente perché considerato strategico per il paese. Tra alcuni dei nostri – avverte – c’è la tesi di un’azione giudiziaria legata al referendum sulle trivelle, ma io non ci voglio credere perché non faccio dietrologie”.

Le posizioni si preparano a presentare martedì in Senato le mozioni di sfiducia nei confronti del governo, non solo quella del Movimento 5 Stelle, ma anche una unica area del centro-destra.

Renzi non appare preoccupato “non ci manderete a casa” attacca. E aggiunge_ “la santa alleanza contro l’esecutivo sarà spazzata via”. Scontro poi fra il premier e Grillo querelato dal Pd per aver accusato tutto l’esecutivo di essere connivente con lo scandalo del petrolio: “Cercano di intimidirci” la replica di Grillo.

LASCIA UN COMMENTO