Le Iene Show anticipazioni: puntata di domenica 20 novembre 2016

0

le-iene-show-anticipazioni-2Le Iene Show tornano stasera domenica 20 novembre 2016 su Italia 1 a partire dalle 21.10 con nuovi servizi. Alcuni però non saranno trasmessi per “par condicio”, mentre i cinque principali saranno quelli di Nina Ruggeri, Luigi Pelazza, Marco Maisano, Gaetano Pecoraro e Roberta Rei

LE IENE SHOW-Le anticipazioni della nuova puntata di domenica 20 novembre 2016, che sarà trasmessa a partire dalle 21.10 su Italia 1, si aprono con una “stranezza”: alcuni servizi de Le Iene Show non saranno mandati in onda per “par condicio”.

Per quali motivi? Di sicuro lo scopriremo stasera in studio, mentre il piatto forte della serata saranno i cinque reportage realizzati da Nina Ruggeri, Luigi Pelazza, Marco Maisano, Gaetano Pecoraro e Roberta Rei.

Le Iene Show anticipazioni: i servizi della puntata di domenica 20 novembre 2016

Si partirà con gli incidenti stradali, in cui la iena Luigi Pelazza, cercherà di spiegare il motivo per cui avvengono e anche di rispondere a dei camionisti e al titolare di una ditta di trasporti su una domanda fondamentale: i tempi di guida previsti dal regolamento comunitario vengono sempre rispettati?

In seguito Maisano ci mostrerà come alcuni clandestini irregolari, partendo dal Marocco, riescono ad eludere i controlli e ad arrivare in Europa. Nina Ruggeri invece, diversamente dalle altre volte, si recherà in provincia di Caserta per cogliere sul fatto due bracconieri.

Il servizio di Roberta Rei, dedicato all’emergenza del terremoto, non andrà in televisione per motivi di par condicio, ma sarà visibile sulla pagina Facebook e sul sito del programma. L’inviata di origini napoletane incontra il sindaco Nando Mismetti per chiedere che uno dei prefabbricati a disposizione del comune venga dato ad una ragazza che, come la sua famiglia, continua a dormire in macchina tra mille disagi

Gaetano Pecoraro tornerà invece a parlare del progetto che prevede la costruzione di una linea ad alta velocità, facendosi una domanda: è veramente necessario affrontare dei costi così elevati?

LASCIA UN COMMENTO