Isola dei Famosi 2018: agguato mortale in Honduras, Stefano De Martino e la produzione illesi per miracolo

0

L’Isola dei Famosi 2018 continua ad essere perseguitata dalla sfortuna: dopo lo scandalo del cannagate, domenica scorsa Stefano De Martino e la produzione si sono ritrovati nel bel mezzo di un regolamento di conti tra narcotrafficanti! Ecco cosa è successo

ISOLA DEI FAMOSI 2018-Brutta sorpresa per Stefano De Martino e per la produzione del docu-reality più estremo di Mediaset: domenica 1 aprile 2018, mentre in Italia si festeggiava la Pasqua, si sono ritrovati nel bel mezzo di un regolamento di conti tra narcotrafficanti!

Secondo quanto riportato dal blog DM, nel pomeriggio due killer si sono introdotti nell’albergo in cui alloggia lo staff de l’Isola dei Famosi 2018 e hanno ucciso a sangue freddo Angel Martinez Nunez, detto Cavallo Pazzo, con diciannove colpi di pistola.

LEGGI ANCHE: Isola dei Famosi 2018, Filippo Nardi “Bianca Atzei mi ha corteggiato, ma per me è solo una stratega.” (ISOLA DEI FAMOSI 2018 VIDEO GOSSIP)

Fortunatamente gli italiani, al momento dei fatti, non si trovavano nella struttura, ma l’episodio ha comunque suscitato una certa paura e apprensione, vista la sua dinamica.

Isola dei Famosi 2018: gli italiani salvi per puro miracolo

L’agguato infatti è avvenuto in pieno giorno e mentre gli altri ospiti si trovavano nell’area della piscina: stando alle prime informazioni, i due assassini, dopo aver raggiunto l’albergo a bordo di un fuoristrada, sarebbero entrati proprio nell’area piscina e, dopo essersi fatti strada tra gli ignari ospiti dell’hotel, avrebbero crivellato di colpi il boss.

Successivamente i due sicari, approfittando del panico generale, si sono dileguati. Stefano De Martino e lo staff dell’Isola dei Famosi 2018 hanno appreso la notizia soltanto al loro rientro.

Il massacro è avvenuto a pochi passi dalle camere in cui dormono i componenti della troupe. Per il momento i killer non sono stati ancora identificati, ma le registrazioni del programma sono comunque proseguite senza intoppi.

Non è la prima volta che l’Honduras si trova al centro di un fatto di sangue come questo: solo lo scorso febbraio è stato infatti sequestrato, assassinato e ucciso un militante sedicenne del Movimento Ambientalista Santabarbarense (MAS).

LASCIA UN COMMENTO