Le Iene Show : Nadia Toffa in Giappone alle prese con i manga! VIDEO ANTEPRIMA

3

Le Iene tornano stasera con un appuntamento da non perdere: le anticipazioni ci svelano che Nadia Toffa entrerà nel mondo dei manga, ma l’anteprima del suo servizio ha già fatto discutere un doppiatore storico e gli appassionati dei fumetti giapponesi

LE IENE SHOW-La puntata di stasera giovedì 31 marzo 2016 de Le Iene Show, che andrà in onda alle 21.10 su ItaliaUno, si preannuncia molto esplosiva: Nadia Toffa si è recata in Giappone e ha realizzato un servizio sui manga e sugli anime. GUARDA IL SERVIZIO INTEGRALE.

 

Secondo quanto riportato dal servizio girato dalla Iena, “Manga vuole anche dire sesso, giocattoli porno…e porno in Giappone vuol dire anche bambine”: un’affermazione che ha già fatto storcere il naso non solo a parecchi appassionati dei manga e degli anime, ma anche ad Ivo de Palma, la storica voce italiana di Pegasus de I Cavalieri dello Zodiaco.

Le Iene anticipazioni: fantasie sessuali, pedopornografia o altro?

Sicuramente quello che vedremo stasera a Le Iene sarà un servizio che farà molto discutere, visto che oltre agli appassionati dei manga e degli anime, insieme ad un celebre doppiatore, le video anticipazioni del servizio di Nadia Toffa hanno fatto sollevare anche i fans della pagina ufficiale de Le Iene.

Già in molti, come si vede, hanno domandato alla Iena di non “falsare” le notizie e di informarsi un po’ di più sulla cultura orientale…cosa accadrà alla messa in onda di questo servizio alquanto controverso sui manga?

Solo fantasie sessuali o pedopornografia?Anteprima del servizio di Nadia Toffa “Solo fantasie sessuali o pedopornografia?” in onda questa sera #Leiene

Pubblicato da Le Iene su Giovedì 31 marzo 2016

3 COMMENTI

  1. Ho visto il servizio. Faccio una premessa: anche io ho forti dubbi sulla funzione catartica dei manga con contenuti pedopornografici e sulle bambole con fattezze di bambina.
    quando vivevo in Giappone lessi del caso di un maniaco che era passato dalle fantasie erotiche con manga ed anime ai rapimenti delle ragazzine in marinaretta.
    Detto questo, ci sono delle precisazioni da fare sul servizio.
    Intanto la ragazzina e le sue colleghe al minuto 0:15 pubblicizano i maid cafè della zona. Made caffè NON significa prostituzione e queste ragazze NON sono prostitute e NON si vendono per sesso.
    Poi certo fanno sicuramente parte dell’immaginario erotico di molti avventori, ma le ragazze NON fanno sesso con loro https://it.wikipedia.org/wiki/Maid_caf%C3%A9#Caratteristiche
    Poi ad un certo punto intervista una ragazza (che in questo spezzone non si vede) e nella traduzione scrivono 15 anni. In realtà la ragazza dice jyuukyuu, cioè 19 ed infatti mostra con la mano 9 (mano aperta per fare 5 e quattro dita poggiate sul palmo per fare 4, quindi 9!), errore di traduzione? Voglio sperare che sia solo una svista e non che per aumentare l’enfasi del servizio abbiano sbagliato volutamente. Non credo ci sarebbe bisogno di ricorrere a certi trucchetti!
    Altro punto da chiarire le idol NON sono neanche loro giovani prostitute!
    Sono ragazzine che lavorano nel mondo dello spettacolo, soprattutto televisione e J-Pop.
    Più o meno quello che accadeva anni fa in Italia con le ragazzine di Non è la RAI. Ve le ricordate? Ecco quelle erano la nostra versione delle idol giapponesi.
    Scatenano i sogni erotici di porci sessantenni? Sicuramente. Anche Ambra ai suoi tempi, immagino… vorreste forse dire che era una giovane prostituta? https://it.wikipedia.org/wiki/Idol
    Non voglio difendere ad oltranza la cultura giapponese. Ce n’è eccome da dire, ma mi danno fastidio certe imprecisioni da chi ha tutti i mezzi per informarsi.

  2. Buongiorno MagikOp e Alessandra,

    Vi ringrazio per i vostri commenti. Personalmente ho visto il servizio e, da persona del mestiere, una cosa che mi è saltata all’occhio è che non solo in diversi punti si è mostrato molto impreciso e lacunoso, ma i collegamenti parevano molto forzati (onestamente io non ho trovato molto credibile nemmeno il testimone in lingua italiana…devo ammettere che in un paio di occasioni mi ha pure fatta sorridere)

    Per come la vedo io, dato che la Toffa è entrata anche in un locale gestito sicuramente dalla Yakuza e che, la Iena avrebbe potuto concentrarsi solo su quello, senza gettare nel calderone i manga (che sono molto diversi dagli hentai), le maid, che non sono altro che le nostre hostess o PR e le idol (in fondo anche da noi ci sono band emergenti di giovanissime e di giovanissimi).

    Oggi scriverò un articolo in merito su un altro sito per cui collaboro, ma aspetto di aver finito di raccogliere il materiale che sto raccogliendo in queste ore. Di carne al fuoco ce n’è molta, ma come in tutte le cose, occorre fare prima un certo ordine.

LASCIA UN COMMENTO